Poeta, narratore, traduttore. Ha praticato inizialmente una poesia sperimentale, documentata in: In/finito (Geiger, 1968), Magnetodrome (Agentzia, 1971), Animazione (Geiger, 1974). Ha tradotto Pierre Albert-Birot, Jean Tardieu, Marc Quaghebeur, Jacques Henric, Sylvain Auroux, Gilles Deleuze, Patrick Boumard. Nel 1979 ha fondato a Modena il “Laboratorio di poesia”, e nel 1981 la rivista di poesia “Steve” a cui ha affiancato nel 1986 le “Edizioni del Laboratorio”. Tra le varie raccolte di poesia: La sesta terra (Società di Poesia, 1985), Il principe errante (Ed. del Laboratorio, 1989), L’anima virtuale(Book Editore, 2000), Museo degli astri (Ed. del Laboratorio, 2004). In prosa ha pubblicato India minima, cronaca di un viaggio annunciato (NEM, 2009).

0